Mailbook: il modo migliore di bussare alle porte per cercare lavoro.

Lo strumento ideale per preparare ed inviare una candidatura spontanea presso le strutture alberghiere di tutto il mondo.

Invio della candidatura spontanea attraverso Mailbook

Cerchi lavoro presso strutture turistiche in Italia e all’estero, come cameriere, barista, musicista, concierge ecc ecc?

Non c’è più bisogno di sprecare tempo ed energie per portare il curriculum vitae di persona, o per raccogliere contatti e preparare e-mail per poi fare decine di volte copia, incolla e invia.

Cercare lavoro non dovrebbe essere un lavoro, ed è per questa ragione che è nato Mailbook.

Logo di Mailbook

Da oggi non sarai più costretto a bussare a tutte le porte una per una, perché grazie a questo nuovo servizio online potrai contattare centinaia di strutture turistiche di alto livello, in pochi click e al costo di qualche caffè!

Mailbook è un archivio in continuo aggiornamento, che seleziona gli indirizzi e-mail di strutture ricettive a 4 e 5 stelle, li divide in base alla nazione di appartenenza e li mette a tua disposizione.

La ricerca e la catalogazione dei contatti è realizzata in modo accurato da un team di persone vere, per garantire la qualità del servizio.

Sotto l’aspetto tecnico è importante sapere che Mailbook sfrutta un server SMTP dedicato per far sì che tutti i messaggi di posta arrivino a destinazione, invece di finire nello spam.

Perché è stato inventato? Perché non se ne può più dei soliti siti di annunci di lavoro che riempiono la casella di posta di avvisi con i recapiti oscurati e chiedono l’iscrizione (a pagamento) in cambio del testo in chiaro; non se ne può più dei social network dedicati alla ricerca del lavoro, che impongono di completare un bel profilo e poi bisogna sperare che venga visitato.

Non se ne può più di questo genere di servizi promossi come strumenti per trovare lavoro, che in realtà si interpongono tra te e chi potrebbe avere bisogno di te!

Mailbook ti mette (finalmente!) nelle condizioni di inviare la tua candidatura lavorativa in modo semplice, veloce ed economico, direttamente ai destinatari senza intermediari! D’ora in poi, le tue uniche preoccupazioni saranno:

  • formulare una buona lettera di presentazione,
  • allegare dei contenuti di qualità,
  • in quale parte del mondo ti piacerebbe lavorare.

Guarda questo video e tutto sarà più chiaro…

Qualche suggerimento per ottenere risultati migliori 

Ovviamente è doveroso fare attenzione e scrivere un messaggio generico, perché non avrebbe senso usare frasi come “Spettabile Rossi Mario” quando ci si rivolge a tanti destinatari diversi contemporaneamente.

L’efficacia del servizio dipende molto da che cosa si scrive e come lo si scrive. Con qualche ricerca online potrai facilmente trovare dei consigli utili per redigere una lettera di presentazione persuasiva ed esauriente.

Bisogna anche tenere conto della nazione alla quale ci si rivolge con Mailbook, perché per esempio, inviare una candidatura spontanea scritta in lingua italiana, verso il Giappone è una pessima idea. Se non si è in grado di usare la lingua della nazione alla quale ci si rivolge, è meglio scrivere in Inglese.

Come funziona Mailbook: 3 passaggi ed è fatta!

Mailbook funziona così:

  • scrivi la tua lettera di presentazione una volta sola, allegando la tua documentazione (fotografie, curriculum vitae, link ai tuoi video ecc ecc) poi salvi tutto quanto, per poter inviare lo stesso messaggio in futuro, oppure modificarlo senza doverlo riscrivere da capo;
  • scegli a chi destinare la tua e-mail, cioè scegli se inviarlo ad una lista di contatti selezionati da te (perché puoi fare anche questo!) oppure alle strutture turistiche di una specifica nazione, selezionate dagli operatori di Mailbook;
  • decidi quante copie del tuo messaggio vuoi inviare e vedi quanto costerebbe, si parla di cifre comprese fra 3 e 15 Euro. A questo punto puoi scegliere se procedere al pagamento e inviare il messaggio.

Sono 3 semplici passaggi dopo i quali, se decidi di proseguire, Mailbook ti reindirizza alla pagina di Paypal nella quale devi effettuare il pagamento.

Torna al sito
La schermata di avvenuto pagamento mostrata da PayPal. Il bianco nel centro è un oscuramento voluto dei dati, per questione di privacy.

Dopo aver pagato, fai click su “Torna al sito” e voilà! Mailbook spedisce il tuo messaggio e tu puoi visualizzare i nominativi dei destinatari che hai raggiunto! Scorri la lista fino alla fine e vedrai il messaggio che ti informa del completamento dell’operazione.

Nominativi.jpeg

Le strutture elencate riceveranno un messaggio da te, non da Mailbook!

In altre parole è come se contattassi tu direttamente una per una le strutture ricettive che vedi nell’elenco, infatti nello spazio dove di solito compare il mittente dei messaggi di posta, leggeranno il nome e il cognome che hai specificato al momento dell’iscrizione a Mailbook.

A questo punto non resta che aspettare e tenere sotto controllo la casella di posta. Su centinaia e centinaia di messaggi spediti, è inevitabile ricevere qualche risposta.

I diversi tipi di risposte che si possono ricevere

Le risposte positive, cioè quelle che contengono una richiesta di maggiori informazioni da parte nostra o direttamente una proposta di contratto, non hanno bisogno di consigli, bisogna memorizzare il contatto per il futuro e rispondere al messaggio.

Per via della moltitudine di e-mail che si può inviare grazie a Mailbook, può capitare di ricevere una proposta di lavoro interessante, ma per qualche motivo non la si può accettare.

In questi casi la cosa migliore da fare è memorizzare il contatto perché potrebbe tornare utile in futuro, e rispondere spiegando le ragioni per le quali non è possibile firmare il contratto.

Le risposte negative sono utili come esperienza per aggiustare il tiro, infatti bisogna farne tesoro perché ci permettono di capire se c’è qualcosa che non ha funzionato nel nostro messaggio.

Un altro tipo di risposta della quale vale la pena parlare, è quella automatica: moltissimi hotel adottano sistemi che notificano la ricezione dei messaggi e rassicurano che risponderanno al più presto.

In questi casi l’unica cosa da fare è aspettare, ma state tranquilli: il vostro messaggio è arrivato a destinazione, a questo punto dipende tutto da chi lo leggerà.

Un’altra eventualità è quella dei messaggi nei quali l’hotel invita a risolvere una capcha o un controllo del genere. Questo genere di messaggi sono fatti per filtrare le enormi quantità di posta indesiderata che gli hotel ricevono di continuo.

In questo caso dovete assolutamente risolvere la capcha perché così facendo si “rafforza” il rapporto di corrispondenza con la struttura turistica in questione, e in futuro i messaggi che vi scambierete arriveranno a destinazione senza problemi.

Mailbook può inviare anche segnalazioni riguardo a dei ritardi di consegna. Si tratta di normali notifiche alle quali non è richiesta nessuna azione da parte vostra.

Se riceverete messaggi del tipo:

“Non ho potuto consegnare il tuo messaggio per 10 minuti, ma ci riproverò per altre 1 ore.”

sappiate che non è ancora detta l’ultima parola e che c’è ancora speranza che la vostra mail arrivi a destinazione.

La più brutta risposta che si possa ricevere è:

“Non è stato possibile consegnare il tuo messaggio”

In questo caso purtroppo non si può fare nulla, ma non preoccupatevi perché la percentuale di questo tipo di risposta è bassissima, con Mailbook.

Spero che questo articolo si sia rivelato utile per te. In tal caso, ti invito a condividerlo il più possibile per spargere la voce fra i tuoi contatti.

Annunci
Mailbook: il modo migliore di bussare alle porte per cercare lavoro.

Moraldiweb: tutti i video tutorial del nuovo leggio digitale

Le video guide per spiegare una dopo l’altra tutte le funzioni del nuovo Moraldiweb Music Manager 7.

Logotipo di Moraldiweb

In questo articolo raccogliamo tutti i video tutorial disponibili per il nuovo leggio virtuale di Moraldiweb, che finalmente funziona su Android, Windows, Linux e Mac!

Ecco i video di Scoreinsert 8.0:

  1. come installare il leggio per la prima volta, o aggiornare il tuo alla versione 7
  2. come installare gli aggiornamenti contenuti nella cartella MORALDIWEB_UPDATE
  3. come inserire un nuovo brano con Scoreinsert
  4. come assegnare un file audio ad un brano
  5. come rimuovere il file audio assegnato al brano
  6. come assegnare i program change allo spartito
  7. come cercare e selezionare un brano per modificarlo
  8. come impostare la lingua del leggio elettronico
  9. una panoramica degli strumenti di Scoreinsert
  10. come ottenere la lista di tutti i brani, in formato txt
  11. importare brani musicali da un altro leggio Moraldiweb Music Manager
  12. come creare e modificare le playlist
  13. come snellire gli spartiti (i file jpg) e renderli tutti delle stesse misure
  14. come creare delle copie di riserva del proprio repertorio: lo strumento backup
  15. come personalizzare le categorie
  16. come esportare tutto il repertorio su un dispositivo Android

 

Prossimamente qui di seguito, i video di Easylive 7. Vi consiglio seguire questo articolo e i suoi aggiornamenti!

Moraldiweb: tutti i video tutorial del nuovo leggio digitale

Il leggio elettronico Moraldiweb Music Manager raggiunge la versione 7

Grazie mille a Tastiere arranger per la pubblicazione di questo nuovo articolo dedicato a noi!

Tastiere arranger

A distanza di due anni, torniamo a parlare di Moraldiweb Music Manager. E lo facciamo per commentare insieme il recente annuncio della versione 7.

Ricordo che Moraldiweb Music Manager è un software molto utile per i tastieristi che suonano dal vivo: permette di visualizzare lo spartito (o il testo) delle canzoni su uno schermo tablet e di scorrere velocemente il repertorio andando a selezionare i brani mettendoli nella sequenza prevista.

Dal vivo, basterà sfogliare le pagine per avere a disposizione gli spartiti che servono, uno dopo l’altro.  Questo strumento software potrebbe rivelarsi utili per chi suona tastiere arranger sprovviste di un valido lettore di spartiti (altrimenti noto con il nome di score).

Nell’articolo pubblicato due anni fa, avevamo celebrato questo programma di utilità enfatizzando il fatto come fosse uno dei primi autentici visualizzatori di spartiti per tablet Windows.

Ora però gli autori di questa…

View original post 239 altre parole

Il leggio elettronico Moraldiweb Music Manager raggiunge la versione 7

Moraldiweb Music Manager 7: una svolta nel mondo degli spartiti digitali!

Aprile 2018: Moraldiweb pubblica la nuova versione del leggio musicale Music Manager 7, il software che potrebbe cambiare il mondo delle partiture digitali.

 

Il leggio musicale multi-piattaforma, per spostare la propria musica ovunque.

Prima di tutto, ciò che rende speciale Moraldiweb Music Manager 7 è la natura multi-piattaforma, grazie alla quale è possibile spostare il proprio archivio musicale tra diversi sistemi operativi e dispositivi, ed usufruirne immediatamente.

I dispositivi utilizzabili durante le performance musicali sono i seguenti:

L’elenco delle apparecchiature con le quali è invece possibile creare e modificare l’archivio, è uguale, l’unica eccezione sono i dispositivi Android per i quali attualmente non è disponibile una versione di ScoreInsert, il programma che memorizza gli spartiti nell’archivio.

Android

In altre parole è possibile usare un tablet o uno smartphone Android durante i concerti,  per leggere gli spartiti, i testi, inviare i program change e riprodurre i file audio, ma questi dispositivi sono gli unici che non possono apportare modifiche all’archivio.

 

logo apple.pngLogo Linux

 

 

 

 

 

 

Un altra differenza rispetto alle precedenti versioni del software, è l’indipendenza dai sistemi Microsoft: ScoreInsert 8.0 sfrutta la tecnologia Java, che lo rende compatibile con Mac e Linux, finalmente! Guarda il video!

Per installare o aggiornare Java sul proprio computer, seguite questo link.

Un leggio musicale multi-piattaforma come Moraldiweb Music Manager 7, può rappresentare una svolta nel mondo delle partiture digitali, perché rende ogni musicista libero di scegliere all’ultimo momento il dispositivo con il quale esibirsi, e quello che invece preferisce per lavorare sul proprio repertorio dalla scrivania di casa, o in treno per esempio.

 

 

Applicazioni multilingua, per musicisti di ogni nazionalità.

Per far sì che il software possa soddisfare le esigenze del maggior numero di musicisti, sono state messe a disposizione traduzioni in 20 lingue.

Selezionando una lingua nella finestra “Impostazioni e preferenze” di ScoreInsert 8.0, tutta la suite di programmi viene automaticamente tradotta.

Easylive tradotto in Giapponese
Easylive tradotto in Giapponese

Per una maggiore informazione, ecco l’elenco completo delle traduzioni a disposizione:

  1. Italiano
  2. English
  3. Español
  4. русский
  5. Português
  6. Français
  7. Deutsch
  8. Indonesia
  9. Pilipino
  10. 中國
  11. 日本の
  12. Românesc
  13. український
  14. ελληνικά
  15. Nederlands
  16. magyar
  17. polski
  18. československý
  19. norsk
  20. Svenska

 

 

La raccolta personale delle scene midi.

Chi già utilizza Music Manager 6 è al corrente della possibilità di assegnare ad ogni spartito un messaggio midi che può essere inviato con la pressione del tasto Shift della tastiera del computer.

La novità introdotta in questo ambito da Music Manager 7, è la possibilità di creare una raccolta personale di scene midi, indipendenti da partiture e testi.

In qualsiasi momento durante una performance musicale, è possibile aprire l’elenco delle proprie scene midi e selezionarne una per impostare istantaneamente tutta la strumentazione collegata.

Le scene midi di Easylive 7

Una raccolta di scene midi personali, portabile e comodamente accessibile grazie ad Easylive, può essere molto utile su un palco, in particolare per cambiare da un momento all’altro tutte quelle impostazioni che non sono necessariamente legate a specifici brani musicali, come per esempio le scene dei mixer digitali, le scene degli impianti luci ecc ecc.

 

 

Easylive 7.0 e la nuova interfaccia grafica che si adatta al dispositivo.

La veste grafica dei due programmi ScoreInsert 8.0 e Easylive 7.0 è totalmente rinnovata rispetto alle versioni precedenti, ma uno dei miglioramenti più significativi è rappresentato dall’opportunità di cambiare l’aspetto grafico di Easylive, a seconda del dispositivo.

In passato chi utilizzava sia il computer che il tablet Windows, doveva accedere a Easylive.html oppure Tablet.html in base al dispositivo in uso.

Nella suite di Music Manager 7, Easylive 7.0 è l’unico programma da lanciare per visualizzare il proprio repertorio. Un click sopra l’apposita icona permette il cambio di modalità tra:

  • Dispositivo con tastiera (computer o tablet pc)
  • Tablet (pagina singola, in verticale)
  • Tablet (pagina doppia, in orizzontale)

Tra le novità del nuovo Easylive c’è la barra delle icone, implementata per compiere attraverso il click del mouse o il tocco dello schermo, le azioni legate alla tastiera del computer.

Nello specifico, la modalità computer di Easylive, attraverso le icone permette di:

 

Barra delle icone

 

  • tarare le misure della schermata (per i display dei Mac, in particolare)
  • aprire la finestra delle informazioni relative al brano corrente (tasto F2)
  • ricaricare la pagina, reset (tasto F5)
  • impostare la modalità a schermo intero (tasto F11)
  • aprire il manuale d’uso
  • cambiare modalità da computer a tablet pagina singola
  • visualizzare tutti i brani, in ordine alfabetico
  • visualizzare tutti i brani, in ordine di archiviazione

 

Le due modalità tablet, attraverso le icone consentono di:

 

Barra delle icone del tablet in verticale

 

Barra delle icone su tablet in orizzontale

  • aprire la finestra delle informazioni relative al brano corrente
  • ricaricare la pagina, reset
  • impostare la modalità a schermo intero
  • aprire il manuale d’uso
  • aprire l’elenco delle categorie
  • aprire le playlist
  • aprire l’elenco delle scene midi
  • cambiare modalità da pagina singola a pagina doppia, oppure da pagina doppia a computer
  • chiudere tutte le finestre aperte in sovra-impressione

 

Easylive 7.0 è dotato anche di un orologio a comparsa, per visualizzare comodamente l’ora di sistema. Si tratta di un piccolo accorgimento che può rivelarsi utile sul palco, per misurare la durata delle performance o rispettare degli orari.

 

L'orologio di Easylive

 

 

Miglioramenti generali e rimozione degli errori

In generale, questa nuova versione è servita a:

  • correggere tutti i piccoli bug delle precedenti
  • aumentare la portabilità del software
  • rendere l’aspetto grafico più gradevole e più intuitivo

Uno dei più grandi difetti che è stato eliminato, è la visualizzazione dei titoli doppi nelle liste dei risultati di ricerca: nelle precedenti versioni, un brano con più di 2 facciate, occupava più righe all’interno delle ricerche, rendendo le liste molto più lunghe.

 

Esempio di lista con i titoli doppi

 

Un altro grande passo avanti è la nuova funzione di ScoreInsert che consente di aggiornare con un click tutta la suite di programmi. ScoreInsert rileva la presenza della cartella con gli aggiornamenti e provvede a configurare tutto quanto.

 

Icona degli aggiornamenti, su ScoreInsert 8.0

 

Sono stati risolti anche i problemi della creazione delle playlist, grazie alle segnalazioni degli utenti è stato possibile individuare gli errori e correggerli.

Il nuovo ScoreInsert è stato dotato di una serie di strumenti utili, ecco una breve spiegazione per ognuno di essi.

Il motore di ricerca, per spostarsi agilmente all’interno dell’archivio attraverso la ricerca per titolo, del brano che vogliamo selezionare.

 

il motore di ricerca di Scoreinsert 8.0

 

Il pannello delle proprietà del brano, che riassume gli attributi assegnati al brano selezionato, come la presenza di file audio, la presenza di program change e l’appartenenza ad una categoria.

 

il pannello delle proprietà del brano musicale selezionato con ScoreInsert 8.0

 

Registro dati dell’archivio, consente di monitorare il proprio repertorio nel suo complesso, per conoscere tutte le proprietà e le mancanze dei singoli brani:

se sono dotati di titolo, autore, etichette, mp3 o wav (distinguibili per colore diverso), program change.

Inoltre è possibile leggere il peso dei singoli jpg, dei singoli file audio e il peso su disco di tutto quanto il proprio materiale, audio e jpg.

Registro d'archivio di Music Manager 7

 

Un altro servizio molto importante per quando ci si presenta ad un nuovo impresario: la possibilità di creare la lista dei brani in repertorio, con i rispettivi autori, in formato txt.

 

Ottimizza archivio, analizza l’archivio per rilevare la presenza di jpg oltre le misure ottimali. Se è il caso lo ottimizza, per uniformare le dimensioni di tutti i file jpg e ridurne il peso. L’obiettivo di migliorare le prestazioni di easylive.

Strumento di ottimizzazione dell'archivio musicale

 

 

Crea backup,  consente di realizzare in modo automatizzato una copia di sicurezza dell’intero software con il proprio repertorio all’interno. Tra le caratteristiche di questa procedura, c’è la possibilità di specificare dove salvare la copia e rinominarla. Per impostazione predefinita, salvo modifiche da parte dell’utente, il nome della copia di sicurezza conterrà la data.

Strumento di backup di Scoreinsert 8.0

 

Personalizza le categorie, è lo strumento che consente di creare e rinominare le categorie che raggrupperanno i brani musicali.

Tabella delle categorie personali

 

Crea e modifica le playlist, è stato completamente rivisto, infatti ora è dotato di un motore di ricerca che facilita e velocizza la composizione delle playlist, perché per trovare i brani non è più necessario scorrere l’intero archivio in ordine alfabetico, ma basta cercarli per titolo, autore o etichette.

Lo strumento di gestione delle playlist

 

Ovviamente, tra le varie funzioni, è possibile: creare nuove playlist, rinominare e modificare quelle esistenti, spostare l’ordine dei brani all’interno di una playlist, rimuovere i brani dalle liste, eliminare le playlist.

 

Merging, è una funzione già disponibile nelle versioni precedenti, ma in Music Manager 7 ha subito dei notevoli miglioramenti. Aggiunta la possibilità di visualizzare in anteprima gli spartiti dell’archivio remoto.

Importazione dei brani musicali: merging

 

È possibile importare un intero archivio con 2 click. È possibile scegliere se importare anche l’audio e le etichette assegnate ai brani.

Naturalmente, è possibile svuotare l’elenco dei brani per l’importazione o rimuovere solo alcuni di essi.

 

Scene midi, è lo strumento che consente di creare e modificare la propria raccolta di scene midi, che saranno richiamabili su Easylive, mediante il tasto freccia verso l’alto, o l’apposita icona nelle versioni per i tablet.

Strumento per la gestione delle scene midi

Il risultato sarà una libreria personale di program change pronti all’uso durante le performance musicali, richiamabili in qualsiasi momento, per impostare velocemente e simultaneamente, tutte le periferiche collegate al computer.

 

Ormai è questione di giorni per la pubblicazione sul sito ufficiale. Il prezzo del software sarà di 70,00 Euro e potrà essere scaricato dalla pagina dedicata, nella sezione prodotti.

Comunque la versione gratuita di Music Manager verrà aggiornata per consentire anche a chi non dispone di sistema Windows, di provare il nuovo Scoreinsert.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo con i musicisti che conosci, spargi la voce!

Moraldiweb Music Manager 7: una svolta nel mondo degli spartiti digitali!

​Winlive e Music Manager a confronto 

Qualcuno di voi si starà sicuramente chiedendo, perché mettiamo a confronto due software di diversa natura.
Quello che intendiamo fare con questo post è mettere in luce alcuni aspetti dei due software, in base al nostro punto di vista.
L’ultima cosa che vogliamo è dire o fare capire che il nostro leggio virtuale sia migliore di Winlive.
Anche se vengono utilizzati entrambi da persone con caratteristiche ed esigenze in comune, siamo consapevoli che si tratta di due programmi molto differenti tra loro.
Quello che invece ci teniamo a comunicare, è che abbiamo pensato diversamente, e abbiamo realizzato un programma diverso.
Prima di procedere ad analizzare le differenze tra le due applicazioni, è doveroso rendere atto a Winlive di essere il programma più utilizzato per i karaoke.

In questo settore, molto probabilmente è leader del mercato.
C’è una considerazione importante da fare:
oltre ai karaoke, Winlive ha spopolato tra i professionisti dell’intrattenimento musicale.

Infatti è molto facile trovare Winlive su un palco o in un pianobar…
Tuttavia, ci siamo resi conto che non tutti coloro che lo utilizzano per questo genere di attività, siano pienamente soddisfatti.
Con questo post ci rivolgiamo a tutte quelle persone che hanno una copia di Winlive ma sarebbero felici di scoprire un’applicazione più sofisticata, maggiormente rivolta verso i musicisti e meno ai karaoke.
Arriviamo al punto.
L’architettura sulla quale si basa Winlive, era probabilmente il meglio che la tecnologia potesse offrire quando il software è nato.
Dire che oggi la tecnologia ha fatto passi da gigante è dire poco.
Siamo ormai lontani parecchi chilometri da quel genere di applicazione.
Winlive raccoglie il repertorio musicale in un database.
Il repertorio di un musicista è un’entità in continua espansione, e questo è il tallone d’Achille delle applicazioni che devono gestire l’audio, mediante l’interrogazione di un database.
Chi usa Winlive da molto tempo e ha un repertorio molto voluminoso, molto probabilmente avrà riscontrato fastidiosi inconvenienti, come la latenza che precede una riproduzione audio, o peggio, rumori preoccupanti, dovuti al dispendioso impiego di risorse del sistema.
Questo succede perché Winlive è come un grande dinosauro che ingerisce uno dopo l’altro nel tempo tutti i brani musicali che gli si danno in pasto.
Il problema è che man mano che il dinosauro mangia, diventa sempre meno performante, sempre più goffo, sempre più lento…
Cose di questo genere non possono succedere con un software come Moraldiweb Music Manager, perché la tecnologia impiegata è totalmente differente.
Latenza dell’audio e barre di avanzamento durante un loading, non ne vedrete mai se userete Music Manager.


Music Manager è un’applicazione leggera e forte come l’alluminio, perché non è appesantita da un database ma sfrutta le funzionalità delle pagine HTML, per visualizzare il contenuto del tuo repertorio!
È di una portabilità esterna: può passare da un dispositivo all’altro come l’acqua passa da un contenitore all’altro, assumendone la forma:
senza dover installare nulla puoi utilizzare il tuo repertorio su dispositivi e sistemi operativi diversi!
A questo punto, ti invitiamo a conoscere Moraldiweb Music Manager, per poter decidere quale dei due può esserti più utile.
Vieni a trovarci sulla nostra pagina facebook Moraldiweb Music Manager e visita il nostro sito web 

​Winlive e Music Manager a confronto 

Moraldiweb: la soluzione ai problemi dei musicisti!

Moraldiweb Music Manager, leggio musicale elettronico per testi e spartiti

La Moraldiweb è una startup fondata da Moraldi Pierpaolo e Mattia, due musicisti professionisti, con alle spalle anni di esperienza nell’ambito dell’intrattenimento musicale.
La nostra mission è aiutare tutti i musicisti che come noi, durante le loro performance hanno a che fare con spartiti, testi, basi audio e periferiche midi.

 

Vi è mai capitato di andare a suonare con borse di libri e raccoglitori ad anelli, pieni di spartiti e testi, e dover cercare uno o più brani, magari senza poter interrompere la musica?

tanti-libri

 

Vi siete mai trovati a suonare e, allo stesso tempo, cercare di capire i gusti del pubblico e scegliere i prossimi brani di conseguenza?

tante cose insieme.jpg

 

Quante volte dopo aver posizionato lo spartito sul leggio, magari avete dovuto preparare la strumentazione, ricercando manualmente suoni, ritmi e impostazioni varie?

il-tecnico

 

Avete mai provato dei software per riprodurre basi musicali, che si sono rivelati non sempre affidabili oppure troppo macchinosi, per usarli durante performance in pubblico?

uccidere il computer.jpg

 

Siete mai stati piantati in asso all’improvviso, dal computer o dal tablet con tutto il vostro repertorio?

computer-morto

 

Avete mai desiderato una soluzione per voltare le pagine senza staccare le mani dallo strumento?mani-legate.jpg

 

Ci siamo passati anche noi, fino a quando ci siamo resi conto che grazie alla nostra esperienza diretta, alle conoscenze e ai mezzi a nostra disposizione, avremmo potuto realizzare un ottimo strumento, in grado di risolvere questo genere di problemi.

soluzione

 

Prima, per visualizzare testi, spartiti e riprodurre audio, bisognava attrezzarsi con applicazioni mobile o programmi desktop, dedicati al dispositivo in proprio possesso e che per funzionare dovevano essere installati. Solitamente questi software, consentivano di inserire il proprio repertorio in un database e di strutturarlo in cartelle e playlist. Tutto ciò era il meglio a disposizione in passato, ma oggi è un sistema superato.

carrozza
Sotto l’aspetto tecnico, quella appena descritta, è una struttura che tende ad “appesantirsi” man mano che il repertorio cresce, causando problemi di affidabilità e lentezza, soprattutto quando si tratta di riprodurre l’audio.
Per quanto riguarda lo svolgimento delle performance, l’organizzazione in cartelle e playlist tende a dirigere la selezione musicale verso situazioni prestabilite. Anche se il musicista avesse creato una playlist per ogni occasione possibile e immaginabile, questo metodo è evidentemente limitato.

 

 

ferrari

Oggi, noi proponiamo una soluzione nuova: il nostro leggio virtuale Moraldiweb Music Manager si distingue da tutti gli altri, perché:

– è concepito in un modo completamente diverso, basato su concetti moderni e tecnologie più recenti;

è progettato da musicisti e collaudato sul campo, in un contesto professionale.

 

I nostri principi fondamentali

comandamenti

 

Ci siamo preoccupati di dare maggiore importanza rispetto a tutto il resto, alla visualizzazione delle pagine, che sui computer vengono mostrate a 2 per volta e occupano il 100% dello schermo.

 
aumentare-la-velocita-di-internet

Il secondo principio fondamentale che ci è sempre stato a cuore, è la velocità d’uso: volevamo un programma che ci permettesse di visualizzare il brano, o il gruppo di brani di cui si ha bisogno, immediatamente e compiendo il minor numero possibile di azioni. Ci siamo riusciti.

 

 

collage-plugandplayIl terzo principio fondamentale è la portabilità. Immagina di avere tutto il tuo repertorio in una forma plug and play, che puoi portare da un tuo dispositivo ad un altro qualsiasi, e come se niente fosse fare subito tutto quanto, normalmente: sfogliare gli spartiti, riprodurre l’audio, inviare messaggi midi alle periferiche ecc… a prescindere dal sistema operativo e senza installare nulla. Fino ad oggi era impensabile una cosa del genere, ma noi ci siamo riusciti!

 
Per quel che concerne le ricerche dei brani, abbiamo realizzato un ambiente che ci permette di “navigare” all’interno del nostro repertorio, per parole-chiave, come si naviga in Internet con il motore di ricerca Google. scegliere investigatore privato.jpg
Ciò che ci ha spinto in questa direzione, è il fatto che quando noi stessi pensiamo ai brani da eseguire dopo, o quando qualcuno del pubblico si avvicina per fare una richiesta, avviene tutto con degli “input” che innescano dei ragionamenti.
Per esempio qualcuno ci chiede una certa canzone ma invece di dirci il titolo, canticchia le parole del ritornello e in quel momento noi dobbiamo cercare di capire che canzone è.
A volte ci chiedono brani di un preciso autore, di un preciso genere, con una precisa caratteristica ecc. Allora dobbiamo ragionare, e poi agire di conseguenza.

In tutti i casi, non è possibile creare delle strutture statiche, che siano adattabili ad ogni evenienza. Per questo abbiamo incentrato tutto sulla catalogazione dei brani mediante tag.
I tag escludono automaticamente tutta la musica che non ci serve e selezionano tutta quella di cui abbiamo bisogno, quindi ci risparmiano tutti i vari ragionamenti e ci permettono di deviare la selezione musicale da un momento all’altro. Rispetto alle playlist, i tag sono molto più mirati e consentono di avvicinarsi più facilmente al target.

Comunque, per essere sicuri di soddisfare ogni tipo di esigenza, abbiamo implementato anche le cartelle e le playlist, ma solo a livello visivo, per agevolare l’utente senza penalizzare le prestazioni.

 

 

Specifiche tecniche

software-development
Il linguaggio di programmazione usato per realizzare Moraldiweb Music Manager è il JavaScript. Questo linguaggio garantisce che non si verifichino “sorprese” durante le performance, cioè: quello che funziona adesso, funzionerà sempre. Non è possibile per esempio, che un file audio che ha sempre funzionato, in alcuni casi non venga eseguito, oppure smetta di funzionare all’improvviso.
Un altro dei benefici dovuti al JavaScript, è che la visualizzazione delle pagine di musica e la riproduzione dell’audio avvengono istantaneamente: non esistono problemi di latenza, tipici invece degli altri software musicali.

 

chrome midi
Se durante le tue performance fai uso di tastiere o periferiche midi in generale, ti interesserà sapere che puoi impostarle in base allo spartito che hai di fronte, con la sola pressione del tasto Shift del computer. In un batter d’occhio avrai la strumentazione pronta per suonare proprio quel brano!

 

Non è tutto!

A volte, quando si suona potrebbe servire “mettere da parte” dei brani, da richiamare e utilizzare al momento opportuno. Abbiamo pensato anche a questo.

Un’altra chicca, è che se sei interessato al repertorio di un’altra persona che ha Moraldiweb Music Manager, puoi importare i brani che desideri dal suo leggio al tuo!

 

 

 

consigli_img.jpg
Queste erano le caratteristiche generali del nostro leggio virtuale, lo strumento che noi mettiamo a disposizione dei musicisti, per aiutarli durante le performance. Ad ogni modo, nell’immediato possiamo condividere con voi alcuni consigli, che potrebbero servirvi per migliorare la qualità delle vostre esperienze musicali.

1 Il primo consiglio è sicuramente digitalizzare il repertorio, per chi ancora non lo ha fatto, a prescindere dal software che sceglierà per visualizzare i propri spartiti. Non importa quanto ci impiegherete e quanto sarà impegnativo digitalizzare tutto quanto, perché i benefici saranno smisurati!

2 Se siete indecisi tra i vari tablet disponibili in commercio, il nostro consiglio è di tenere presente che iOS è un sistema chiuso e quindi preclude un sacco di possibilità agli utenti che scelgono l’iPad. I tablet Android, hanno un sistema più aperto rispetto all’iOS, ma non possono sostituire i computer a tutti gli effetti. Invece, i tablet con sistema operativo Windows sono molto più versatili e a nostro avviso, la scelta più saggia. Se deciderete di usare il nostro leggio virtuale, vi consigliamo un computer portatile.

3 Per chi ha a che fare con periferiche midi, il consiglio è di automatizzare tutto, sfruttando i messaggi midi. Non doversi più preoccupare di programmare tutta la strumentazione da un brano all’altro, è un passo decisivo, da fare assolutamente!

4 Nella scelta del software, chi si occupa di intrattenimento dovrebbe evitare i programmi con troppe funzioni, perché al momento di suonare sono controproducenti, e comunque il repertorio va preparato e messo a punto, prima di esibirsi in pubblico. Sembra una considerazione ovvia, ma per qualcuno non è così.

facebook
Se sei arrivato a leggere fino a qui e desideri restare aggiornato sulla nostra attività, seguici su Facebook Moraldiweb Music Manager

Moraldiweb: la soluzione ai problemi dei musicisti!

Leggio elettronico: prezzi a confronto

 

Prima o poi qualcuno doveva farlo: questo articolo mostra una tabella, che elenca tutti i prezzi dei leggii elettronici più diffusi, secondo Wikipedia. Continua a leggere “Leggio elettronico: prezzi a confronto”

Leggio elettronico: prezzi a confronto